Camigliatello Silano, posto a 1270 metri slm, nel comune di Spezzano della Sila, è la più famosa località turistica montana della Calabria. Si trova sulla superstrada n. 107 a metà percorso tra Cosenza e San Giovanni in Fiore quindi è raggiungibile, da questi due centri, in poco più di 15 minuti. Come San Giovanni in Fiore, Camigliatello Silano, è posto in una zona centrale dell'Altopiano da cui si possono raggiungere numerose altre località di interesse turistico. Circondato da fitti boschi di conifere dista pochi chilometri dal lago Cecita e dal Centro Visitatori di Cupone nel Parco Nazionale della Calabria. Vicinissima è anche la Riserva Naturale del Fallistro che si trova a Croce di Magara. Frequentatissimo sia di inverno che di estate, Camigliatello, è dotato di impianti di risalita e piste per gli sport invernali situati sul monte Curcio. Il centro ha un'innata vocazione turistica, consolidatasi nei decenni, che si concretizza con una grande presenza di infrastrutture ricettive alberghiere, di ristoro e ricreative. Notevole è anche l'offerta di una grande varietà di prodotti artigianali e gastronomici tipici dell'altopiano silano. Nel periodo in cui nascono i funghi, il centro è raggiunto da decine di compratori e il piccolo ma interessante mercatino locale assume una grande importanza economica. La storia di Camigliatello Silano inizia i primi anni del 1900 quando sorsero nel luogo alcune imprese artigiane. Dopo qualche anno fu aperto uno sportello postale. La vera svolta ci fu nel 1928 grazie all'impegno di Michele Bianchi. Il "quadrunviro" fascista passava le ferie sul posto anche per trovare sollievo alla sua malattia. Egli fu il primo che credette nella valorizzazione turistica della Sila e in particolar modo di Camigliatello. Grazie al suo intervento, fu costruito il rifugio per turisti e iniziò la costruzione della ferrovia a scartamento ridotto tra Cosenza e San Giovanni in Fiore. Alle infrastrutture pubbliche si affiancarono molte iniziative private e in un paio di decenni Camigliatello diventò una delle località turistiche più rinomate e frequentate del Sud d'Italia.
L'albergo sorge a due chilometri dagli impianti sciistici. La sua ubicazione è un ottimo punto di partenze per gite e visite:
  • Ai laghi (Cecita, Ampollino, Arvo, ...);
  • All'Abbazia Florense di S. Giovanni in Fiore (a circa 30 Km) e all'Abbazia della Sambucina di Luzzi (a circa 30 Km) che ancora risuonano della voce profetica di Gioacchino da Fiore, celebrato da Dante nella sua Commedia;
  • A Longobucco famoso per i suoi tappeti di lavorazione artigianale;
  • A classici luoghi archeologici ed ai musei di Crotone e Sibari;
  • Alla bizantina Rossano, dove è conservato uno dei più antichi manoscritti del Nuovo Testamento, il Codex Purpureus;
  • Per gite al mar Jonio e Tirreno, distando dall'uno e dall'altro 60 Km con una strada a scorrimento veloce che unisce i due mari.
 
Per chi viene in AUTOMOBILE:

La posizione di centralità dell'Hotel Aquila & Edelweiss lo rende facilmente raggiungibile in automobile sia che si provenga dall'area ionica percorrendo la S.S. 106, che tirrenica sulla S.S. 18. In entrambi i casi comunque, con le sue uscite di Cosenza, Rogliano, Altilia Grimaldi e più a sud di Lamezia Terme, l'arteria autostradale «A3» rappresenta l'asse viario primario sul quale indirizzare la propria scelta se le percorrenze dovessero essere di più e più chilometri. Diverso poi l'orientamento in senso trasversale per inerpicarsi su fin nel comprensorio silano, che sappiamo essere longitudinalmente compreso fra Cosenza e Catanzaro. La S.S. 107 silano-crotonese, eccellente percorso intermedio all'interno del comprensorio e quindi idealmente equidistante sia dalla Sila Greca, Grande, che Piccola. La Supestrada 280 dei Due Mari, sull'istmo Lamezia Terme-Catanzaro e più a sud la S.S. 281 di Rosarno, aprono il viaggiatore ad ulteriori, possibili percorrenze.

Per chi viene in TRENO:

Le Ferrovie dello Stato offrono una diversificata gamma di scelte per raggiungere il Parco in treno. Le stazioni di Paola, Lamezia Terme, Catanzaro e Crotone risultano i gangli principali dai quali successivamente ripartire per la Sila , con il trenino a scartamento ridotto delle Ferrovie della Calabria (Cosenza-Catanzaro e viceversa). Un ulteriore tratto in locomotiva a vapore – Camigliatello, San Giovanni in Fiore, Camigliatello – è sempre pronto a soddisfare la curiosità del viaggiare con vetture d'epoca.

Per chi viene in AUTOBUS:

Gli autobus di linea, privati o gestiti dalle Ferrovie della Calabria diventano un supporto quasi ovvio ai quali ricorrere per completare le percorrenze fino alle destinazioni prescelte. Durante il periodo estivo, dal litorale ionico con quotidianità, ma anche da quello tirrenico, si inerpicano su in Sila.

Per chi viene in AEREO:

Se si sceglie l' aereo in poco meno di due ore da Milano e da Torino e ancor di meno da Roma e da Bologna, voli diretti possono raggiungere i due aeroporti più prossimi alla Sila, quello di Lamezia Terme sul versante tirrenico e quello di Crotone S.Anna sul versante ionico.